Il Paziente Virtuale è oggetto di discussione da anni ormai nel campo dell’odontoiatria: una rappresentazione veritiera delle strutture anatomiche della faccia, denti e ossa che possano facilitare il dentista nella pianificazione della terapia.
Inoltre, uno degli aspetti più importanti e degli obiettivi legati a questa rappresentazione virtuale sono la possibilità di rendere più fruibile e di facile comprensione tutto il piano di trattamento per il paziente, fortificando la relazione di fiducia tra paziente e clinico.

Dopo anni di ricerca, sviluppo e svariati metodi di acquisizione delle informazioni messi in campo da aziende e istituzioni, il Paziente Virtuale è finalmente una realtà che ogni clinica può implementare trasformando il processo di pianificazione terapica da analogico a digitale, con grande miglioramenti in termini di qualità percepita, controllo dei costi e performance.

Di tutto questo parla un articolo molto interessante, ora in fase [Ahead of printing] che si propone di spiegare la necessità e l’importanza di uno strumento che sarà il futuro dell’odontoiatria e segnerà una pietra miliare nel campo dentale, così come l’introduzione degli impianti fece solo pochi decenni fa.

Combining Intraoral Scans, Cone Beam Computed Tomography and Face Scans: The Virtual Patient.
Mangano C., Luongo F., Migliario M., Mortellaro C., Mangano F.G.
J Craniofac Surg. 2018 Apr 25. doi: 10.1097/SCS.0000000000004485. [Epub ahead of print]

link

 

Scarica Articolo

Recommended Posts

The Virtual Patient is a topic that has been discussed for years now in dentistry: true-to-life representation of the anatomical structures of the face, teeth and bones which could help dentists plan therapy.

Furthermore, one of the main aspects and goals of this representation is making the treatment clearly understandable for patients who would then feel more trustful towards their clinician.

After many years of research, product development and several methods of acquisition put in place by different companies and institutions, the Virtual Patient is here and any dental clinic can implement a fully digital workflow which will improve the performances, real and perceived quality of their work.

A very interesting article submitted on PubMed (link) explains how and why the Virtual Patient can revolutionize the dental world, like the advent of implants did just a few decades ago.

Combining Intraoral Scans, Cone Beam Computed Tomography and Face Scans: The Virtual Patient.

Mangano C., Luongo F., Migliario M., Mortellaro C., Mangano F.G.

J Craniofac Surg. 2018 Apr 25. doi: 10.1097/SCS.0000000000004485. [Epub ahead of print]

link

 

Download Article

Recommended Posts